Facebook, che tu possa impallarti e non riprenderti mai più

22/09/2009

bara di facebookQuando la tecnologia invece di fare miracoli fa disastri. Quando vai su Facebook per abitudine ma stringi i denti, perchè vedere tutti quegli status, entrare nelle altrui vite ti fa girare vorticosamente i coglioni. Perchè a te non interessa. A qualcuno di loro sì. A quelli che ogni giorno ti commentano lo status, quelli che osservano e analizzano. Ma io non sono loro. Poi quando discuti con qualcuno allora gli status diventano manovrati. Ci leggi dentro un significato solo, sai che è quello, anche se potrebbe voler dire mille altre cose. Quando “cucino gli spaghetti” (che poi, chissenefrega) diventa “vedrai come ti faccio fritto”. Sembriamo tutti tornati alle elementari, quando il nostro compagno di banco carino diventava “elefantino” giusto attirare il suo odio (di qui, la sua attenzione e nel migliore dei casi addirittura il suo letto, una volta cresciuti).

Però alle elementari non ci siamo più. Mi avete rotto le palle. Da oggi ho un orso grigio e peloso per profilo. Ha un occhio solo, ma meglio così, almeno non è costretto a vedere tutto anche da lì. Ho un orso grigio e peloso e pochissimi amici, un nuovo profilo perchè quello di prima non era più mio ma di dominio pubblico. Così è rimasta la mia faccia su una pagina dai contenuti vuoti ma assolutamente non discutibili, a fare da facciata. Lì, bella, buona, che augura a tutti una felice settimana. Sperando che la metà dei contatti muoia dentro (quando possibile, anche fuori) nel non sapere più i fatti miei. E’ successo che ho ottenuto un ruolo pubblico, per una stupidissima associazione, e non lo volevo. Così io, rompicazzo, spontanea, schietta e sincera, ho cominciato ad avere problemi per via della ristrettezza mentale di alcuni membri e per via del mio caratterino scontroso. Più della ristrettezza mentale loro, comunque.

Tutto questo per dire… fottetevi, gente, e trovate altre ragioni di vita che non siano me.

Advertisements

2 Risposte to “Facebook, che tu possa impallarti e non riprenderti mai più”

  1. ilalla said

    Senza sollevare nessuna polemica (di fatto però – intimamente – una la sollevo: perchè più nessuno ha voglia di esprimere opinioni diverse da quelle altrui senza scusarsi preventivamente? Hanno davvero tutti paura di essere criticati/denunciati/disapprovati?)ti rispondo quello che vale per me e può non valere per altri: Facebook fa schifo, è un Grande Fratello dei poveri, e in più nessun montepremi finale e nessuna comparsata da Costanzo. Però serve. Serve a ricordarmi qualche compleanno ogni tanto, a ricordarmi che conosco persone qua e là (cosa che altrimenti per pigrizia tenderei a dimenticare)e a farmi fare lo sforzo (assolutamente minimo, e non mi costa un sms) di contattarle almeno a Natale, serve per la condivisione delle foto (che è perfettamente inutile se ci condividi i tuoi gatti – io lo faccio lo stesso perchè ne vado fierissima, di quei due esserini grassi – ma utile quando sei spesso a cene e serate e ti fa piacere vedere le tue foto fatte da altri), serve per Farmville. Al momento l’ultima è la Ragione Unica e Suprema.
    Tra gli amici non ho accettato cani e porci (beh, qualche eccezione c’è, ma tutta gente che si è rivelata tale troppo tardi), ho fatto un minimo di selezione. Traduco: non ho tra le amicizie una Ciao Mondo, un Dio Onnipotente o un Nano Brontolo. Ho tutte facce conosciute, che per strada mi salutano. Però se ti circondi di gente – dal vivo, intendo – con forte tendenza al pettegolezzo e allo sputtanamento per sport in generale, finisci per scoprire che anche virtualmente questa tribù fa la stessa cosa. Frequenta il tuo profilo per informarsi sul tuo umore, sperando che sia al minimo storico, per informarsi sulle tue gioie, sperando che finiscano presto. Che poi è invidia, e tempo da perdere. Comunque, qualche faccia di tolla l’ho eliminata, ma ho deciso fosse meglio, per mantenere i contattini, che non si sa mai, aprire un secondo profilo solo con pochi intimi e su cui poter dire quello che mi pare senza dover spiegare (stile maestra di sostegno) che cosa volessi dire esattamente. Sul nuovo profilo “intimo” ho solo persone che frequento abbastanza spesso, a cui sono abbastanza legata, e che non mi infastidiscono: non mettono status tipo “Più tardi gin tonic e poi tutti sugli sci prima di una serata indimenticabile tra alcol e donne”, “Finalmente scendo dalla barca, dopo tre settimane cominciavano a rovinarmisi i capelli” o puttanate del genere. Ehi, non ci crede nessuno. E se ci crediamo, ci chiediamo come tu nonostante tutte ‘ste cose da fare trovi ancora il tempo e la voglia di comunicarlo a noi pirla che stiamo lì a leggerti.
    I pro e i contro di Facebook. Ma lo tengo anche perchè, nei momenti a basso livello di aggressività, mi ci faccio due risate. Piccoli, bambini, siete tutti piccoli.

  2. Capisco perfettamente il tuo stato d’animo perchè anche io , in tempi remoti , ho avuto un profilo fb…ma c’è una cosa che non capisco e mi piacerebbe se qualcuno riuscisse in qualche modo a spiegarmela :perchè sento tanta gente incazzarsi con fb , con gli stupidi che ci sguazzano , con la mancanza di privacy etc (tutte motivazioni assolutamente valide e fondate) ma continuare con sforzo immane a essere lì?
    Davvero senza alcuna polemica , vorrei capire…
    Io ho aperto , capito e chiuso … mi veniva da vomitare come dici tu quando mi rendevo conto che tanti erano li solo per farsi i fatti miei , per rompere , che gente che nemmeno mi salutava per strada mi chiedeva amicizia… mi veniva da vomitare e ho chiuso .Punto.Fine della nausea.

    Che me ne faccio di facebook alla fine?

    ps:l’immagine della bara è fantastica e azzeccatissima!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: