Comunicazione di servizio

03/06/2009

fungoHo un amico immaginario. Si chiama Fungo, e riposa da ormai più di un mese sul mio fianco. Sta lì, simile ad un’escoriazione, e mi tiene compagnia. Se non fosse per il prurito non mi sarei neanche accorta della sua presenza. Ma lui sta lì buono, e mi osserva. Spero che non trovi una compagna per fare tanti bambini, altrimenti è la volta che non esco più di casa.
E’ carino, tutto sommato. Dovrei forse andare dal medico a farmi prescrivere una cremina antifungo, ma mi sembra un delitto. Cos’ha fatto di male? Non abortirei un bambino, ora come ora, come potrei abortire un fungo? E poi ha già un mese, che per un fungo credo sia un’età invidiabile.
Però è strano. I peletti delle sopracciglia li elimino senza pietà. Credo che la relazione sia la stessa: non farei fuori un gatto, ma farei fuori le farfalline della pasta. Non a mani nude, ovviamente, considerata la mia fobia per tutto ciò che abbia minuscole zampette o alucce. Il mio fungo è il gatto, e i peletti sono le farfalline. Non voglio essere una funghicida.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: