E’ stato solo troppo accogliente.

23/05/2009

billy balloEh no. Mi oppongo. C’è chi scrive “Billy Ballo è stato arrestato” sul blog e diventa famoso.
Io mi cimento da settimane, forse mesi, nel dare consigli a tutti gli adolescenti con problemi da adolescenti di Italia, e non ho ricevuto segni di vita. Ho bisogno di interazione, gente.
Prendiamo la ragazzina che se la faceva con Billy Ballo: era una adolescente. Ma a quanto pare aveva già superato i problemi adolescenziali che qualsiasi 13enne, ai miei tempi, avrebbe potuto avere. Forse è questo il problema, è che mi rivolgo a finti adolescenti già troppo cresciuti. Fisicamente, intendo. Dal prossimo post farò riferimento ad una fascia di età tra gli otto e gli undici anni, adesso sono loro le vere star delle crisi per lo sviluppo. E dite quel che volete, ma se sei in terza media e te la fai con uno che fa il comico in tivvù, diventi una figa, una di mondo. Questione di aspirazioni, tutto lì.
E’ sabato sera, e io odio il sabato sera. E’ una questione da snob sociopatica e agorafobica, lo capisco. Ma mi irrita profondamente dovermi mescolare, quasi fondere con interi squadroni di marmaglia truzza che scende dalle montagne col vestito buono per approfittare dell’evento settimanale. Sono una classista che non rientra in nessuna classe, ma le critica tutte più che volentieri. A questo fastidio indotto dal giorno che sono costretta a vivere, ci aggiungo quello dato da bozzi violacei della grandezza di palle da ping pong su braccia e schiena, solo perchè ieri sera giocando a fare la cciovane ad una festa tipo baccanale ho fatto due giri nel carrello della spesa. Chissà dove stracazzo ho battuto, in tutti i casi Lasonil (e vabbè, no, è Voltatrauma, ma l’altro fa più trendy) mi risolverà il problema. Dopo essermi fatta un bagno caldissimo e rilassantissimo tra la schiuma profumata di mora e aver bevuto un tè per scaldare il pancino che è ancora pieno di vino. O forse di fragole con crema chantilly, ma che differenza fa.
Il mio fidanzato, anch’egli poco amante del sabato sera, è ad una festa in suo onore in compagnia del suo cane e di sua madre. Mio padre è a fare compagnia a mia nonna, che sta diventando vedova. E ci sta una riflessione. Dopo il suo terzo infarto, ieri sera mio nonno ha battuto la testa. E lui, architetto da una vita, che fino a due giorni fa continuava a progettare nonostante gli 85 anni, sta morendo in queste ore per una emorragia bilaterale alla testa. Se il meccanismo è questo, finirò per morire di un qualche tumore ai genitali, in assoluto la parte più attiva di me.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: