01/04/2008

Dieci di sera, Paolo Conte che canta del suo tinello marron. UN TINELLO MARRON. Ma che tristezza.

Non ho niente da fare, tranne tracannare Prince of Wales nel tentativo disperato di digerire

1. banana

2. patatine Amica

3. Fruttolo alla fragola

4. mezzo pollo arrosto

mangiati a cena, proprio in questo ordine. Credo sia stata la banana a rovinare tutto.

Ci sono volte in cui non ti riesce proprio, di scrivere. E credo di aver capito che non si scrive di sè quando si è felici.
Quindi teoricamente sono felice. Uh.

Però rischio di rimanere senza un post per giorni, forse addirittura settimane. Cercherò di arginare la mia passeggera felicità pensando alle cose più brutte. Morti, unghie rotte, scatola vuota del té.

Annunci

4 Risposte to “”

  1. Pautasio said

    La soluzione è sempre il Pautasio

  2. Roby said

    se il post è per occupare spazio, per non dare troppa discontinuità tra l’intervento precedente e quello successivo, lo stesso ruolo avrà il mio commento… forse siamo tutti troppo felici per pensare?

  3. il@ said

    io SONO il mondo

  4. Alessandro said

    Non è vero che non si può scrivere quando si è felici, certo è più facile scrivere di se quando qualcosa non va perchè è più facile dare per scontato le cose quando vanno bene. La soluzione per non smettere di scrivere e aprirsi anche al resto del mondo, non guardando esclusivamente a se stessi; oppure smettere di dare per scontate le cose positive e considerarle importanti e degne di attenzione.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: