SPICOLOGICAMENTE

06/02/2008

Ho letto, per una innata curiosità sull’argomento ed una innata scemenza di fondo che mi è intrinseca, AMORI INFEDELI – PSICOLOGIA DEL TRADIMENTO.

Autore: Willy Pasini, (cito) milanese, ha insegnato Psichiatria e Psicologia medica all’università di Ginevra e attualmente è docente all’università statale di Milano.

Voglio ringraziarlo pubblicamente. Grazie, Willy. A proposito, per gli amici?

Mi hai chiarito un sacco di cose. Per esempio, come categorizzare il mio tradimento se e quando mai ci sarà. Subito dopo aver cornificato il mio ignaro partner, invece di essere oppressa dai sensi di colpa e dagli ultimi sprazzi di coscienza residua, potrò cimentarmi in una fruttuosa autoanalisi e scriverti subito, giusto per tenerti informato, una mail di notifica.

HO TRADITO. FACCIA SAPERE ANCHE DI ME NEL SUO PROSSIMO BEST (worst?) SELLER. IL NOME VORREI CAMBIARLO IN TRINITY, CHE FA MOLTO GNOCCOLONA AMERICANA. IL LAVORO CHE VORREI SCRIVESSE CHE FACCIO E’ QUELLO DI MANAGER DI UNA GRANDE AZIENDA. MASSI’, UNA DONNA IN CARRIERA.

Subito dopo averti scritto, senza neanche il tempo per rielaborare il misfatto, potrò cominciare a crogiolarmi su diverse opzioni:
– l’ho fatto per gelosia? A pag. 91 la risposta
– l’ho fatto perchè sono diffidente? Narciso? Controllante? Seduttore? Trasgressore? Sesso dipendente? Psicopatico? Per l’aumento delle tentazioni? Pp. 91 e seguenti
Ma spiegami una cosa. Le hai trovate tutto da solo queste categorie? O qualche bimbo alle prime armi con lo Zanichelli ti ha dato una mano? Confessa…

Tanti nomi in questo libro. Mi è sembrato di vivere piccoli dejàvu, l’estate prima avevo letto I love shopping. E quello che ci propini, niente più niente meno, è uno sdoppiamento, striplamento, squadriplamento di mille Rebecca Bloomwood (per voi maschietti che non amate le letture da ombrellone, la protagonista del libro sopra citato), tutte fighe in carriera e piccoli grandi viziosi vizietti. Tutte italianissime, ma ricche e potenti. Vorrei sapere dove sta Donnalandia, mi ci trasferisco all’istante.

Poi grazie. Perchè ci rendi partecipi dei fatti privati di personaggi noti (famosi è azzardato) senza doverci muovere da casa per comprare Novella 2000. Samantha De Grenet chissà come è contenta di rimarcare il fatto che il suo bello ha approfittato della di lei migliore amica di fronte a tanti disorientati lettori potenziali traditori. Ma la domanda è: perchè?
Perchè citare la belloccia dai ricci capelli o il buon vecchio Baudo? Dovremmo identificarci? Sentirci più vicini a loro e quindi più giustificati? Ma a noi, checcenefrega?

Una cosa buona c’è però. Un complimento te lo devo. Hai scritto qualcosa che la sottoscritta, così come mille suoi coetanei credo, aveva pensato da tempo. Senza però avere soldi e amicizie in Mondadori per poterla vedere stampata su un libro con elegante copertina rigida.
Noi, gioventù bruciata, ci bruciamo anche le tappe. Fagocitiamo le esperienze.
Siamo la società del tutto e subito.
Guardiamoci in giro seriamente. Stando coi piedi per terra questa volta, senza bisogno di andare a cercare lontano in grandi aziende e altrui carriere.
Dove sono finite le amicizie vere? Quelle che ci si definiva amici solo dopo essersi sostenuti la testa per sboccare per almeno sei/sette sbronze, che ci si apprezzava solo dopo insulti e chiarimenti? Scomparse. Adesso ci si è presentati da due minuti e si è già amici per la pelle. Salvo poi incularsi alla prima provvida occasione.
E il corteggiamento? Dove sono finiti i mesi di febbricitante agonia perduti a rimirare col pensiero un’utopica visione coronata con fiori d’arancio? Nooo, adesso basta presentarsi. E stop, è fatta. Ci si chiede se ci si piace. Così, per andare subito al sodo. Almeno si è sicuri… Perchè il top della fantasia e della felicità attuale è non perdere tempo dietro cose che non possiamo avere.

Questo di sette è il più gradito giorno,
pien di speme e di gioia:
diman tristezza e noia
recheran l’ore,
ed al travaglio usato
ciascuno in suo pensier farà ritorno

Non è forse l’attesa il momento più gradito? Forse è questa la premessa necessaria per far sì che sia gradito anche il seguito…

Willy non ti offendere, ma la prossima volta, se mai volessi leggere qualcosa di diverso da Cosmopolitan, comprerò un classico. La psicologia spiccia non fa per me. De gustibus.

Annunci

7 Risposte to “SPICOLOGICAMENTE”

  1. Anonymous said

    Oki…ammetto l’errore grammaticale…per il quale non ci sono giustificazioni…neanche la fretta della scrittura di getto… 🙂
    Quindi mi firmo anonimo…

  2. ilallà said

    …quando tu feci l’acquisto del libro, passasti due giorni a decantarmi via msn e sms la profondità assoluta di tale opera psico-gossip-bibliografica, ragione per cui sentire che a febbraio ne parli ancora, mi pone nella delicata situazione di non poterne francamente più.

    Io invece, personalmente, mi soffermerei su quel TU FECI.
    Sarà che hai scritto tutto di getto, sarà che ti sei sentito obbligato a commentare (ma no gabry, perchè?), sarà che forse anche tu come il buon Willy non curi molto la grammatica… 🙂
    Avete qualcosa in comune, visto?

    Però ti voglio bene. Lo sai. Anche se sei un Ing. Perchè in fondo un posticino in fondo al mio cuore ve lo meritate anche voi. Insieme ai ragnetti, ai pesciolini e a tutti gli esseri del Creato.

    A proposito, sapevo dello spazio del lettore sul sito di Willy… ma solo perchè tale spazio e tale sito sono citati qualcosa come una quarantina di volte in quel centinaio di pagine.
    Chiamiamola pubblicità occulta.
    O egocentrismo.

    Il prossimo libro? Fabio Volo, Esco a fare due passi.
    Cominciato nel 2005 e interrotto dopo circa 20 pagine. Una noia mortale. Ma ci riprovo, e vi aspetta una nuova esilarante recensione.

    tvb

  3. gagagagagagagagagaagagaga said

    Poi dimenticavo:
    Il sito merita una visita…ci sono diverse foto del dottore…poi magari scopri che è un uomo che ti suscita un certo interesse….chissà!

  4. gagagagagagaagagagaagagaga said

    Cara Ilallalalala,
    ti poni questioni alte…molto alte…troppo alte…e forse hai sottovalutato la potenza di willy pasini (è uscito da una canzone di Elio e le storie tese?).
    Il dottore in questione ha tanto di sito personale http://www.willypasini.it e ti assicuro che è una vera figata…pensa che puoi porgli direttamente queste alte questioni per avere una sua risposta (e non sto scherzando…). Insomma questo willy pasini (principe di Bel Air, per gli amici semplicemente Free Willy) è un tipo che si prende sul serio…forse è veramente uno serio e noi tutti ci stiamo erroneamente ridendo sopra!
    Non dimenticare poi che a natale, quando tu feci l’acquisto del libro, passasti due giorni a decantarmi via msn e sms la profondità assoluta di tale opera psico-gossip-bibliografica, ragione per cui sentire che a febbraio ne parli ancora, mi pone nella delicata situazione di non poterne francamente più.
    Insomma se vuoi un consiglio: passa al prossimo libro e smettila di strappazzarci le uova con Willy!

  5. ilallà said

    Ma il Pautasio è vivo!!!! Questo è quel che conta…

    p.s. Giudizi ironico-sarcastici sui post da me scritti sono sempre benvenuti!

  6. Pautasio said

    Mamma che bel post, davvero. E’ uno di quello che ti tocca le corde d’arpa dentro… Brava

  7. Alessandro said

    L’attesa e la conquista sono ciò che rendono importanti le cose, i momenti, gli eventi, le emozioni.
    Forse è vero,la nostra generazione è stata abituata ad avere tutto e subito (sarà un retaggio del ’68 fatto dalla generazione dei nostri genitori?), a comprare ciò che si vuole, non inteso solo come oggetti, ma anche come emozioni e si è persa la capacità di conqustarsi le cose, si è persa la capacità di gustarsi l’attesa, si è arrivati a consumare tutto, senza esserne pienamente soddisfatti, però è anche vero che le cose che uno ha conquistato e che ha tanto atteso una volta ottenute danno maggiore soddisfazione, o nel caso che non si riescano ad ottenere una maggiore amarezza.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: